Dazio e Iva ottengono un’ulteriore proroga Covid ma sotto condizione

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a due giorni dalla rinnovata scadenza dei conti di debito per il 23 aprile, ormai maturata la proroga attribuita dal Decreto Cura Italia il 18 marzo, dispone una ulteriore proroga di 30 giorni.

Questa è la pronuncia nella Determinazione n.121878 del 21 aprile 2020.

La proroga presenta un aspetto restrittivo e uno estensivo rispetto alla precedente.

La proroga, infatti, è ora subordinata ad una condizione: dimostrare di aver subito nel mese di marzo e/o aprile 2020 una riduzione del fatturato del 33% per le aziende con ricavi sino a 50 milioni di euro nel 2019 e una riduzione del 50% per le altre aziende.

La proroga esplica effetti non solo a favore degli operatori del trasporto merci, come era stato precedentemente previsto a marzo.

Medesima agevolazione la ottiene anche la scadenza dei conti di debito per l’8 maggio.

Accanto a tale disposizione, rimane sempre attuale la possibilità per ciascun operatore di ottenere ulteriori agevolazioni, quali rateizzazioni o estensioni di dilazione, senza interessi né garanzia, attivando individualmente le normative doganali già presenti a tutela del contribuente nei casi di difficoltà economica o sociale. Un approfondimento nella precedente NEWS, redatto prima della previsione di agevolazione generale della Determinazione n. 121878.

 

image_pdfimage_print

Commenta

Vai su