Brexit, la prima certezza: uscita dall’Unione doganale al 1° gennaio 2021

E’ stata esclusa la proroga del periodo di transizione oltre al 31 dicembre 2020, che poteva essere attivata entro giugno. La scelta del governo di Boris Johnson è di uscire sin dal gennaio 2021 dall’Unione doganale Ue e dal mercato unico unionale.

Le conseguenze per le aziende sono la dovuta attivazione di un rapporto doganale negli scambi con il Regno Unito a partire dal prossimo gennaio; dunque realizzare esportazioni per le cessioni verso UK e importazione per gli acquisti da UK; non più cessioni e acquisti intraunionali. Si ritiene che saranno compilate almeno 200milioni di dichiarazioni doganali l’anno da parte delle imprese britanniche L’unica incertezza è se tali operazioni doganali saranno assoggettate a dazio. Ciò dipenderà dalla riuscita conclusione nei prossimi sei mesi di un accordo tra Unione europea e Regno Unito.

La novità, introdotta dal governo Johnson, è un impatto graduale di sei mesi nell’assolvimento degli impegni doganali per le proprie imprese, giustificato dalla dichiarata necessità, determinata dal blocco economico operativo del coronavirus, di consentire alle aziende di adeguarsi.

Pieni controlli merci e piena procedura doganale saranno attivi da luglio 2021 in UK: dal 1 ° gennaio verranno effettuati controlli sulle sostanze sensibili, quali alcol e tabacco, mentre le merci standard, come vestiti ed elettronica, saranno soggette alle procedure doganali di base con sei mesi per completare le dichiarazioni doganali e pagare gli eventuali dazi sussistenti; dal 1 ° aprile, coloro che importano prodotti di origine animale, compresi carne, latte o prodotti a base di uova, dovranno notificare preventivamente i funzionari e fornire i documenti sanitari pertinenti

La UE non ha, d’altra parte, intenzione di rallentare o procrastinare i controlli doganali sulle merci UK che entreranno nel territorio unionale dal 2021.

Sono stati programmati ulteriori cinque round di negoziati tra le due parti nei mesi di luglio e agosto per ottenere un accordo anche in termini di mercato di libero scambio ai fini dell’imposizione daziaria che possa entrare in vigore già con il nuovo anno, ma le aspettative sono basse.

image_pdfimage_print

Commenta

Vai su