Conti di debito per dazio e Iva da versare: ottenere una dilazione e una rateizzazione delle somme

I conti di debito consentono ai loro titolari di usufruire di una dilazione del pagamento all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a prefissate scadenze  di dazio e Iva maturati in precedenti importazioni. I conti di debito costituiscono l’unico oggetto di intervento diretto del Decreto “Cura Italia” a sostegno delle imprese in ambito doganale.

Il decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 prevede, infatti, al suo articolo 92 un alleggerimento del pagamento delle imposte doganali a fronte della gestione emergenziale Covid-19; esso dispone una proroga di 30 giorni delle scadenze dei conti di debito che cadono nel periodo dal 17 marzo al 30 aprile 2020.

Ma ricorrono due problematiche:

  1. l’agevolazione è stata espressamente ristretta dall’Agenzia delle Dogane a favore solo degli operatori di settore, le imprese che gestiscono il servizio di trasporto merci, rimanendo esclusa ad esempio l’industria manifatturiera in possesso di proprio conto di debito;
  2. la proroga è per un’unica volta; ciò significa che le scadenze di fine marzo dei conti di debito tornano attive per fine aprile. Coloro che avevano la scadenza del conto di debito per il 23 marzo, sono ora chiamati ad assolvere il debito tributario nell’imminente data del 23 aprile.

Tutto ciò accade in un prolungato periodo di lock down delle attività economiche sino almeno al 03 maggio.

Le aziende hanno scarsa liquidità per affrontare debiti spesso di centinaia di migliaia di euro, quali sono quelli inerenti ai conti di debito che accumulano i diritti doganali di plurime importazioni; ciò con riguardo sia a propri conti di debito sia a conti di debito di intermediari del settore, i quali attualmente difficilmente riescono a ricevere l’anticipazione o il rimborso delle somme assolte per conto dell’azienda importatrice cliente.

Diventa indifferibile un intervento; per evitare tra l’altro la successiva entrata nel rapporto tributario della compagnia assicurativa che diventerà il creditore dell’azienda e le conseguenze dannose in materia di rapporto fiduciario tra contribuente e Agenzia delle Dogane ai fini dell’autorizzazione allo stesso conto di debito come ad altre autorizzazioni di cui l’impresa è titolare.

Al fine di non incorrere in un mancato pagamento dei diritti doganali all’imminente scadenza del conto di debito, la soluzione è riscontrabile nelle norme già presenti sia nel testo del Codice Doganale Unionale, reg.to UE n. 952/2013, come chiarisce anche la Commissione europea, sia nel testo del TULD, dpr n. 43/73. 

Un’istanza del contribuente all’Ufficio delle Dogane competente che si basi su tali disposizioni e presenti i relativi documenti probatori, riesce a ottenere una rateizzazione delle somme da pagare insieme ad una sua dilazione senza interessi applicati.

L’articolo in Diritto 24 di Il Sole 24 Ore: qui

L’aggiornamento del 21 aprile 2020 in questa NEWS

image_pdfimage_print

Commenta

Vai su