Invito alla Commissione europea per un intervento coordinato in materia doganale nell’emergenza Covid-19

La richiesta è europea: CLECAT, organizzazione europea che rappresenta l’interesse di migliaia di aziende nei servizi di spedizione merci, servizi logistici e doganali. Il destinatario è ancora una volta la Commissione europea.

L’appello è per un intervento centralizzato volto ad alleviare gli adempimenti che ancora incombono sulle aziende unionali che lavorano con i mercati esteri e devono assolvere dazi e procedure imposte dalla normativa doganale europea.

L’Agenzia delle Dogane italiana ha più volte bussato alle porte della Commissione europea per richiedere interventi in materia. La risposta sino ad ora non ha previsto alcun coinvolgimento a livello centrale, rimandando all’autorità doganale del singolo Stato membro UE le azioni per sostenere le proprie imprese rispetto agli esistenti obblighi fiscali e procedurali doganali. Qui un approfondimento della posizione dell’Agenzia delle Dogane.

L’epidemia di COVID-19 ha un impatto notevole sui trasporti che a sua volta influisce sull’intera economia dell’UE, a causa di interruzioni delle catene di approvvigionamento. Mantenere attivi i flussi di merci è vitale per la salute pubblica e l’economia. Le dogane svolgono un ruolo importante nella salvaguardia della sicurezza e dell’integrità degli approvvigionamenti. 

La CLECAT auspica un’azione generale UE nel disporre proroghe, esenti da interessi e sanzioni, ai pagamenti dei dazi. Ciò a sostegno delle catene di approvvigionamento che riforniscono dall’estero beni all’Unione europea.

Altre misure richieste sono la tolleranza al superamento delle soglie massime di copertura delle garanzie, l’estensione e la flessibilità delle scadenze per le procedure doganali e altre formalità, la flessibilità per realizzare modifica o invalidamento di dichiarazioni doganali o procedure a causa degli effetti della gestione Covid-19, l’accettazione di documenti e certificati in formato digitale, le facilitazioni nella concessione delle autorizzazioni, la riduzione dei controlli ai confini non in imminente scadenza o non essenziali, una comunicazione chiara, tempestiva e a livello dell’UE in relazione alle formalità doganali attive in questo periodo presso i vari uffici unionali.

Istanze pragmatiche e utili per salvaguardare la salute dei funzionari e dei dipendenti degli operatori economici,  ridurre al minimo il carico di lavoro, i tempi di attesa, i rallentamenti alle frontiere interne ed esterne dell’UE. Un invito alla Commissione europea per una risposta coordinata per alleviare l’impatto economico del coronavirus nelle aree industriali e commerciali per assicurare il flusso di merci essenziali attraverso i confini europei.

image_pdfimage_print

Commenta

Vai su