Covid-19: e i dazi? Si continua a pagare

Le autorità europee si sono dimenticate dei dazi.

Le imprese devono assolvere i diritti doganali all’importazione, a dispetto del “fermo fiscale” intervenuto a sostegno in questo difficile periodo per le aziende.

Le fila della situazione doganale sono detenute dall’Unione europea. I dazi sono risorse economiche dell’Unione europea ed è lei a poter decidere a riguardo. Il governo di uno Stato membro non può assumere autonome decisioni in merito a sospensioni dal pagamento dei dazi.

E la posizione europea è la seguente: “non avere in programma di posticipare o facilitare il pagamento dei dazi doganali in tutta l’UE da parte degli operatori economici. Questa la dichiarazione della Commissione europea che ieri è stata pubblicata.

Diversa la situazione in altro contesto. Sebbene ben più in ritardo con l’arrivo e la gestione dell’urgenza sanitaria ed economica del Covid-19, gli Stati Uniti appaiono più “comprensivi” verso le loro aziende. L’autorità doganale centrale USA, U.S. Customs and Border Protection, ha contestualmente, ieri pomeriggio, annunciato che “A causa dell’effetto che COVID-19 sta avendo sul settore commerciale, la U.S. Customs and Border Protection sta accettando richieste di proroghe di dazi doganali ” e inoltre “prevede di emettere un avviso del registro federale nell’immediato futuro con i dettagli su una politica di proroga più a lungo termine” .

Un’Unione europea ancora non presente e in ritardo.

In questo quadro si inserisce anche la inevitabile presa di posizione espressa ieri dalla nostra Agenzia delle Dogane con nota n. 95986 dove si dichiara, tra l’altro, la non applicazione dei benefici fiscali previsti del decreto “Cura Italia” dettati dall’art.67 ai diritti doganali: le aziende italiane continueranno a ricevere atti di accertamento in materia doganale senza nessuna sospensione sino al 31 maggio come invece previsto per gli altri atti di accertamento fiscale. Peraltro, si deve rammentare che quando un’azienda riceve una rettifica dell’accertamento da parte dell’Agenzia delle Dogane per diritti doganali deve assolvere il pagamento entro 10 giorni.

Dazio e iva all’importazione sono prorogati di 30 giorni con il decreto Cura Italia, ma solo nello loro due imminenti scadenze del cd differito del 26 marzo e 09 aprile e, nell’interpretazione dell’Agenzia delle Dogane, solo per le società che gestiscono servizi di trasporto merci.

L’auspicio non può essere che l’Unione europea apra gli occhi su questo aspetto erariale di sua competenza; ciò forse accadrà solo quando anche gli altri Stati membri e non solo l’Italia, prima in ogni aspetto gestionale del Covid-19 anche da punto di vista economico, si troveranno a valutare i sostegni fiscali alle proprie imprese.

image_pdfimage_print

Commenta

Vai su